3D Studio Max: come funziona e come imparare ad usarlo

0
103
studio 3d max

Il settore grafico è stato tra i primi a ‘cedere’ al processo di digitalizzazione, che ha reso possibile implementare soluzioni sempre più sofisticate realizzabili in tempi sempre più contenuti. Rispetto a quanto accadeva fino agli anni Settanta, la realizzazione di prodotti grafici (effetti, animazioni e quant’altro) è ormai completamente appannaggio di appositi software, in grado di processare ogni fase di lavorazione, da quella iniziale fino alla rifinitura dei dettagli. I professionisti che operano nel settore del design o dell’animazione, e si occupano in particolare di creazioni in 3D e di rendering non possono non ricorrere a programmi specializzati, sviluppati appositamente per questo genere di impiego; tra i più gettonati figura sicuramente 3ds Max, noto anche come 3D Studio Max: in questo articolo vedremo di cosa si tratta, come si usa e come fare per imparare ad utilizzarlo anche da principianti.

Cos’è 3D Studio Max e a cosa serve

3D Studio Max è un software di grafica tridimensionale, animazione e rendering, sviluppato dalla divisione Media & Entertainment di Autodesk. Come si legge sul sito ufficiale del produttore, il programma “offre un ricco e flessibile set di strumenti per creare design premium con un controllo artistico completo”; in particolare, con 3ds Max è possibile “creare grandi mondi per videogiochi; visualizzare rendering architettonici di alta qualità; modellare accuratamente oggetti e interni dettagliati; dare vita a personaggi e caratteristiche tramite animazioni e VFX”.

L’elenco completo delle funzionalità del programma include:

  • Workflow degli strumenti Spline;
  • Supporto per Open Shading Language;
  • Modificatore di smusso;
  • Mappaggio su tutte le facce;
  • Editor dei materiali, delle texture e dei colori;
  • Modificatore del canale dati;
  • Modellazione di superfici e mesh;
  • Rendering su texture;
  • Modificatore di normali ponderate.

Per quanto riguarda le animazioni, 3ds Max include strumenti di animazione e rigging dei personaggi, la funzione “Fluids” (per ricreare realisticamente l’aspetto ed il comportamento dei fluidi), percorsi di movimento ed effetti di Particle Flow. Anche le opzioni di rendering sono numerose, e vanno da nuove opzioni di viewpoint a più efficaci strumenti di conversione delle scene. Questo ampio ventaglio di caratteristiche fa sì che 3D Studio Max sia un programma estremamente versatile, fondamentale per realizzare animazioni, rendering e altri prodotti grafici in tre dimensioni. Del software esiste una versione gratuita di prova e una professionale a pagamento che prevede una spesa annuale per acquistare il programma in abbonamento.

Come imparare ad usare 3D Studio Max

I programmi di grafica, animazione e rendering come 3ds Max sono particolarmente diffusi ma, al contempo, possono essere piuttosto complessi e non semplici da usare (specie per un principiante). Ad ogni modo, un’adeguata conoscenza di un software di questo tipo rappresenta un requisito indispensabile per chi vuole lavorare in uno dei tanti ambiti che possono prevedere l’utilizzo di un software di grafiche e animazioni tridimensionali. Per imparare ad utilizzare 3ds Max è consigliabile frequentare un corso specializzato, in grado di fornire allo studente una preparazione mirata fondata su solide competenze specifiche. A tal proposito, vi sono alcuni portali specializzati – come ad esempio Puntonetformazione – che organizzano un corso di 3D Studio Max, al termine del quale lo studente riceve un attestato che certifica le competenze acquisite. Il percorso formativo si articola in una serie di moduli diversificati (divisi per settore) e prevede una fisiologica alternanza tra la parte teorica e quella pratica, così da offrire allo studente una formazione completa. Corsi di questo tipo vengono erogati anche in modalità telematica, ormai divenuta prassi consolidata a causa della necessità di limitare lo svolgimento di lezioni in presenza per contenere l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19. I corsi di formazione professionale online riescono comunque a garantire, specie se altamente specializzati, un’adeguata offerta formativa.